Area Privati : Niente omicidio colposo se il pedone non indossa il giubbotto catarifrangente

Contributo da admin su 07 Set 2016 - 09:44

In caso di omicidio colposo verificatosi a seguito di sinistro stradale, l'imputato può astrattamente essere assolto dalla condanna quando la vittima, un pedone, al momento dell'incidente non indossava l'apposito giubbotto retroriflettente per la visibilità notturna.
Così si è espressa la Corte di cassazione con la sentenza numero 35834 depositata il 30 ottobre 2016 e qui sotto allegata. Per i giudici, infatti, bisogna dare un'attenta interpretazione del problema della causalità della colp

L'articolo 43 del codice penale, in particolare, quando richiama la negligenza, l'imprudenza e l'imperizia e la violazione di leggi, regolamenti, ordini e discipline disegna la colpa come una condotta posta in essere in violazione di una norma cautelare.

Questo, però, è solo l'elemento oggettivo della colpa, al quale va affiancata la caratteristica soggettiva dell'elemento: sotto tale aspetto la colpa rappresenta la mancanza di volontà dell'evento e la capacità dell'agente di osservare la regola di cautelare.

A detta della Corte, pertanto, quando si indaga circa una responsabilità colposa, non ci si può limitare a guardare alla violazione oggettiva di norme cautelari. Occorre infatti estendere l'analisi anche alla possibilità concreta per l'agente di conformarsi alla predetta regola tenendo conto delle sua qualità e delle sue capacità personali.

Alla luce di tale precisazione, la causalità nella colpa si configura sia quando il comportamento diligente avrebbe evitato l'esito antigiuridico con certezza, sia quando con una condotta appropriata si sarebbe potuto scongiurare il danno con significative probabilità.

Nel caso di specie occorreva capire se, nelle condizioni in cui l'evento si è verificato, la vittima, scendendo dalla propria auto e circolando senza giubbotto retroriflettente su una strada extraurbana, abbia tenuto una condotta prevedibile e se quindi le conseguenze letali del sinistro avrebbero potuto essere evitate.

Dato che in generale tale comportamento potrebbe esulare dalla sfera di prevedibilità, la Corte di appello, non avendolo valutato, deve procedere a un nuovo esame. E la condanna dell'imputato non è più così scontata.

Ultime Notizie

Fantecolo in bike edizione 2019 (da admin il 04/18/19 )

Il comitato organizzatore della 6ª Fantecolo in Bike, ha dato il 100% per organizzare un evento che potesse lasciare un ricordo indimenticabile

...
La sussistenza o meno della responsabilità della struttura sanitaria in caso di c.d. complicanza. (da admin il 04/08/19 )
Secondo la prevalente giurisprudenza di merito e di legittimità, "la complicanza, quale evento avverso correlato all'atto medico e statisticamente
...
Borse 1983-1991: anche chirurgia oncologica va risarcita (da admin il 03/30/19 )
Osserva la Corte che il D.M. 30 gennaio 1998 aveva individuato le discipline equipollenti al fine dell'accesso al ruolo dirigenziale del personale
...
Il rispetto delle linee guida va sempre rapportato alle circostanze del caso concreto (da admin il 03/26/19 )
Nell'ambito della colpa medica, un ruolo peculiare è assunto dalle linee guida dettate dalla comunità scientifica.
Esse costituiscono un nucleo
...
Non corretta asepsi dell'ambiente chirurgico e dello strumentario: risarcisce la clinica ed il primo operatore. (da admin il 03/26/19 )

Né la Casa di cura nè il primo operatore durante il parto e dunque responsabile quale capo equipe della gestione della sala operatoria e

...

Articoli più letti

Direttore sanitario di struttura privata: quali i requisiti della subordinazione? (da admin il 11/30/11 8316 pagine viste)

Il direttore sanitario di una struttura privata, pur risultando di aver svolto l’attività a titolo di collaborazione professionale, impugnava il

...
Incidente sulla rampa d'accesso ai garage, a chi si richiede il danno ? (da admin il 08/19/13 6708 pagine viste)

La Cassazione ha stabilito che, nel caso di incidente che avvenga sulla rampa di accesso ai garage, il danneggiato non viene risarcito dall’

...
Responsabilità del direttore sanitario nello studio dentistico gestito da società (da admin il 09/24/09 6596 pagine viste)

Una paziente si sottoponeva a cure odontoiatriche presso uno studio dentistico gestito da una società di persone e più specificamente da una

...
studio condiviso tra MMG convenzionati e saltuariamente con altri specialisti non è ambulatorio polispecialistico (da admin il 10/31/11 6582 pagine viste)

Un medico di medicina generale convenzionato con il Servizio sanitario nazionale, oltre ad esercitare la propria attività nell’immobile di sua

...
IRAP: medico convenzionato al 100% con il SSN (da admin il 01/18/12 6150 pagine viste)

La Commissione Tributaria Regionale aveva confermato la sentenza favorevole al rimborso dell’IRAP versata da un medico convenzionato con il SSN. La

...
La differenza sostanziale tra studio medico e ambulatorio (da admin il 06/21/10 5590 pagine viste)

Che fare quando il regolamento condominiale inibisce la destinazione delle singole unità immobiliari ad ambulatorio dentistico ed attività connesse

...
Irap non dovuta dal medico di famiglia anche se con segretaria part-time (da admin il 07/25/11 5008 pagine viste)

Un medico di assistenza primaria, pur avvalendosi della collaborazione part-time di una segretaria, impugnava una cartella di pagamento emessa a

...
Da quando decorre il termine per proporre querela, in caso di lesioni personali colpose dovute a colpa medica ? (da admin il 08/02/10 4981 pagine viste)

Il termine per proporre la querela per il reato di lesioni colpose determinate da colpa medica inizia a decorrere non già dal momento in cui la

...
Infermiere professionale ed HCV contratta in servizio (da admin il 03/21/11 4948 pagine viste)

Relativamente alla domanda risarcitoria promossa dall’infermiere professionale che contraeva HCV nello svolgimento della prestazione lavorativa

...
Decreto Legge Balduzzi (da admin il 07/02/13 4545 pagine viste)

Il Decreto Balduzzi introduce numerose novità in materia di sanità e salute. Fra cui una nuova regolamentazione della responsabilità professionale

...