L’Azienda Regionale Asl di Chivasso è stata chiamata in causa insieme al medico di base da due coniugi che chiedevano la condanna di entrambi per i danni irreversibili provocati dal medico: questi infatti ha tardato a effettuare la visita domiciliare, non ha rilevato le gravi condizioni e disposto il ricovero del paziente, compromettendone la salute.

Nel primo grado di giudizio sia il medico che l’Asl sono stati condannati al risarcimento dei danni; in Appello però la sentenza viene ribaltata escludendo qualsiasi responsabilità in capo alla Asl ritenendo che non vi sia alcun rapporto contrattuale tra l’Asl e il paziente del medico di famiglia.

La Corte di Cassazione si è stata quindi investita del caso, introducendo un orientamento giurisprudenziale innovativo.

La Corte ha anzitutto affermato che l’assistenza medico-generica è un diritto di ciascun utente del Servizio Sanitario Nazionale, che l’Asl territoriale ha l’obbligo di erogare.

Si individua così un’obbligazione principale dovuta dall’Asl all’utente del servizio sanitario nazionale e che l’Asl stessa adempie avvalendosi dell’opera di un terzo (il medico di base): tale obbligazione, è da ricomprendersi tra quelle normate dall’art. 1173 Cod. civ..

L’Asl quindi deve rispondere per l’eventuale difettosa prestazione erogata dal medico di base (Responsabilità per fatto degli ausiliari, art. 1228 del Cod.Civ.).

Torquati Assicurazioni
Enable Notifications    OK No thanks